OMLx 4 Interfaccia grafica per gestione repo

omlx-4
repos
Tags: #<Tag:0x00007fe1e1bf1038> #<Tag:0x00007fe1e1bf0ef8>
#1

Ho una curiosità: prima dell’arrivo di dnf ero solito usare

drakrpm-editmedia --expert

quando dovevo abilitare qualche repository temporaneamente. Per esempio quando mi serviva un pacchetto a 32 bit per risolvere una dipendenza o per installare pacchetti non-free o restricted.
Con Omlx4 si potrà fare la stessa cosa da dnfdragora, ma le modifiche così apportate valgono solo per la sessione in corso e questo non è comodissimo (soprattutto quando si soffre di dislessia e la riga di comando allunga di molto i tempi).
Potrei sempre crearmi una lista di alias per semplificarmi le operazioni più ripetitive, ma magari esiste un metodo che non conosco; forse è possibile lanciare dnfdragora con qualche opzione che al momento non conosco.
Avete qualche consiglio da darmi, visto che tra non molto spero di poter migrare tutti i pc a Omlx4 e vorrei arrivare pronto a quel momento?

(Ben Bullard) #2

@bero sta lavorando su un’applicazione di configurazioni di repository OM.
@bero is working on an OM repository configurations application.

1 Like
(rugyada) #3

Per me dnfdragora è una roba assolutamente inutile, se non unicamente per consultazione :grin:

Il miglior consiglio è di usare la console. Gli alias ce li avrai già lì belli pronti, basta digitare i comandi una volta (puoi anche fare copia/incolla) e quando ti servono li richiami con la scorciatoia punto esclamativo + numero del comando dato in precedenza (che ricavi da history)

Esempio (non è un comando che abilita o disabilita i repo, è giusto per fare capire - spero) :

da history leggi

101 dnf clean all

fai

[ruru@omlx-4beta ~]$ !101
dnf clean all
0 files removed
[ruru@omlx-4beta ~]$

Poi, come dice @ben79, Bero sta sviluppando uno strumento, che probabilmente si aggiungerà ai moduli di om-cc, per abilitare/disabilitare i repository con un click del :computer_mouse:

#4

Io uso indifferentemente CLI e grafica (davvero, non ho preferenze).
Ma incontro parecchia resistenza quando devo far usare la riga di comando a utonti più utonti di me:
Mi sono sentito rispondere spesso “io non sono un hacker”.
La maggior parte delle persone che seguo non usa gli shortcut nemmeno con MuseScore. e chi conosce il programma sa che spesso significa usare 3 click invece di un solo tasto :sob:

P.s. Se trovate strana la selezione dei programmi che nomino più spesso, spiego il motivo: collaboro con una scuola di musicoterapia, che ha anche corsi di multimedialità, cui allievi hanno disabilità da lievi a molto gravi. E cerco di usare Windows il meno possibile.

(rugyada) #5

Ma figurati, nessuno giudica nessuna selezione di programmi, anzi è positivo che ci siano differenti aree di interessi.
Quello che chiediamo è appunto di aiutarci a fare delle scelte. Chi li usa/usava abitualmente sa di che si tratta.

(Bruno) #6

Per richiamare comandi già dati si può digitare solo la prima lettera (o più di una) e poi scorrere con «pagina su» (pgup).
Io faccio così.

(Giorgio) #7

Resta comunque il fatto che la riga di comando implica una buona memoria o l’uso frequente dello stesso comando, mentre l’interfaccia grafica è nettamente più semplice e intuitiva, in particolare per utenti non esperti.
Credo che la gestione software sia quella che ha più bisogno di una buona interfaccia grafica in tempi brevi.

(rugyada) #8

Nel frattempo, ad eccezione della questione 32bit su sistemi 64, nel Centro di Controllo OM aggiornato ho inserito i moduli per abilitare/disabilitare i repo /non-free, /restricted e /unsupported in maniera che spero risulti user-friendly.

1 Like